Tag: parcodellestagioni

21 Novembre, Festa degli Alberi

Ci chiamiamo “Parco delle Stagioni” e un motivo c’è.

Abbiamo scelto questo luogo perché ci sembrava il più adatto a ospitare i progetti che avevamo in mente, ma ce ne siamo davvero innamorati quando abbiamo capito che ancor più della villa e della sua barchessa era il parco il vero cuore, e anche l’anima… e anche i polmoni, di questo tesoro ancora sconosciuto.

Abbiamo scoperto un pò alla volta cosa questo luogo nascondesse. All’inizio era una selva oscura. Un intrico di rami e sterpaglie abbandonati, trascurati da decenni. Ma un pò per volta, un metro alla volta… un colpo di falce e uno di cesoia, la luce ha cominciato a farsi strada; alberi incredibili e centenari di cui non sapevamo l’esistenza, per noi sono nati in quel momento.

9.900 m2 di superficie ospitano splendide magnolie, aceri, carpini, ippocastani, gelsi, tigli… e poi ci sono cedri Lawson e del Libano, sequoie e metasequoie, ginkgo biloba, prunus e liquidambar.

Ora bonificata, quest’area sarà presto oggetto di restauro, con la creazione di sentieri e di aree recettive per eventi all’aperto, il ripristino del laghetto e della fontana a cui verranno consolidati gli argini.

Questa è diventata la nostra casa. C’è sempre una brezza gentile, e alberi secolari ci insegnano a vivere. A volte non serve andare lontano per raccogliere tutta l’ispirazione del mondo!

…21 Novembre, la Festa degli Alberi!

“The Ruling RE-“: quando un prefisso racconta il mondo che cambia.

La notizia è che insieme al Design Studio Wrad saremo partner dell’istituto professionale G.B Garbin di Thiene per un meraviglioso ciclo di incontri! Sono appuntamenti rivolti agli studenti della scuola, dedicati alla consapevolezza dell’impatto ambientale e sociale dei processi produttivi nel mercato del FASHION, offrendo prospettive alternative concretamente responsabili.

Re- è il prefisso universalmente riconosciuto per parlare di recycle, reuse, reduce, ma in italiano è anche parola di senso compiuto con un significato molto chiaro… chi detta legge!

“The Ruling Re-“ ci proietta in un tempo auspicabilmente vicino in cui le parole che iniziano con RE- non sono sconosciute ai più ma sono una pratica dominante, consolidata! Un approccio globale che ci fa vedere la terra che ci ospita e le persone che abbiamo accanto non come elementi funzionali al nostro arricchimento individuale ma come parte dello stesso organismo che vuole vivere e non sopravvivere. Sotto questo nome e con questi pensieri da condividere, I.T.S. Garbin organizza un ciclo di incontri dedicati alla consapevolezza di quanto i “RE-“ siano fondamentali anche e soprattutto nel mondo del Fashion.

Ci vedremo coinvolti l’1 dicembre per il primo evento in programma: racconteremo l’esperienza del nostro laboratorio di sartoria alternativa, IDA TESS LAB: cosa significa lavorare con tessuti di recupero e come cambiano i processi produttivi? Cosa vuol dire avere come primo obiettivo la valorizzazione di ciascun collaboratore della squadra?

A seguire il workshop di DESIGN STUDIO WRAD, il 20 di dicembre, darà a tutti i partecipanti l’opportunità di acquisire la consapevolezza e gli strumenti necessari per comprendere lo status quo non sostenibile dell’industria della moda e come metterlo in discussione.

Questo percorso si rivolge agli studenti dell’I.P.S. Garbin e agli studenti del terzo anno delle scuole secondarie di 1° grado impegnati ora a scegliere il loro successivo percorso di studi; il tema si svilupperà ulteriormente nella seconda parte dell’anno grazie a una serie di lezioni entro il percorso di educazione civica, finalizzate al restyling di capi di abbigliamento in chiave sostenibile e creativa, con concorso finale.

Entrambi gli appuntamenti verranno registrati e saranno disponibili sul canale YouTube della scuola.

Le Sorelle di Via dei Ciliegi, la nuova linea Metamorfosi e i prossimi appuntamenti!

“Siamo la somma delle persone che incontriamo”. L’hanno detto in tanti e lo confermiamo anche noi, che in questo percorso abbiamo la fortuna di incontrarne di straordinarie. E siamo pure chi non abbiamo incontrato ma che ha vissuto in questo luogo e ha scritto la sua storia… storia che grazie a un puzzle di ricordi stiamo ricostruendo pian piano.

Di storie che intersecano la nostra ce ne sono tante e oggi ce n’è una in particolare: quella delle 3 sorelle di Via dei Ciliegi. Le abbiamo conosciute per il tramite della nipote Lucia e con loro imbastiamo lunghi dialoghi immaginari ogni volta che siamo in contemplazione dei capi bellissimi da loro stesse realizzati a mano, e che abbiamo recuperato dai loro armadi.

Da questo piccolo tesoro che Lucia ci ha affidato è nata l’opportunità di aggiungere uno spazio nel nostro negozietto di Via Kennedy a Costabissara, dedicato ai capi trasformati! Per ora sono giacche, di ottima fattura, a cui un cambio creativo di maniche, collo e bottoni ha dato nuova vita e uno sprint contemporaneo.

Ma chi erano le 3 sorelle di Via dei Ciliegi?

Maria, Lelia e Margherita! Unite da sempre e coinquiline per la vita. Indipendenti e ben organizzate: Maria, “the boss!”: sarta-capo produzione in Belfe. Lelia, economa del trio, dedita alle faccende domestiche. E infine Margherita che lavorava per Viaro, storica azienda di cappelli di Marostica; la più sognatrice e un pò sfaccendata 🙂 Gli uomini?! “Eh valà… che senza si sta bene lo stesso!”. Le tre sorelle nel giro di una decade hanno lasciato questa terra e dal 2020 i loro abiti sono stati in attesa di una degna destinazione. Grazie a Lucia, eccoli da noi!

Qui sotto una prima piccola selezione di “Giacche Metamorfosi”, prodotte per una strana magia del tempo da Maria, Lelia e Margherita con il tocco di stile di Ida Tess!

Queste giacche e molto altro saranno in Piazza dei Signori a Vicenza il prossimo sabato per Unico il Mercatino del Fatto a Mano! E con loro ci saremo anche noi… passi a trovarci? 

Fidati che  quel giorno in giro non ci sarà niente di meglio da fare, ci siamo informati. Ma metti che sei partito per un meraviglioso weekend o peggio se quel giorno ti vai a sposare e non riesci proprio a passare, ci possiamo vedere anche:

  • Sabato 29 ottobre in piazza Castello (VI) (Festa di Halloween)
  • Sabato 19 novembre in piazza S.Lorenzo / corso Fogazzaro (VI) (Festa degli Alberi)

…oppure dal lunedì al venerdì nel nostro angolo di mondo in Via Kennedy 19 a Costabissara, giusto davanti alla sartoria di Parco delle Stagioni, con questi orari: 9-13 e 14-18.

“Amici del Parco” in festa

Finirà che a trascorrere momenti in compagnia a Parco delle Stagioni ci prenderemo gusto! Ci aiutano queste radici che corrono eterne sotto i nostri piedi, e queste fronde intrecciate sopra le nostre teste. La natura ci mette in collegamento e stare insieme in armonia diventa la cosa più semplice del mondo. È stata una bella festa, dedicata a chi più di tutti ci ha supportato in questa partenza.

zucche di parco delle stagioni

“Ode alla Zucca!” – La rubrica di Ally, 7° episodio

Quando ho iniziato la mia avventura nell’orto di Parco delle Stagioni non avevo la più pallida idea di come si coltivassero gli ortaggi; ammetto che fino al giorno prima non avevo mantenuto in vita nemmeno una piantina di basilico. Ma senza pensarci ho accettato la sfida: sono salita sul treno e via, mi sono goduta il viaggio! Curo gli ortaggi con tutto l’amore che conosco… e con un occhio di riguardo per il ‘reparto zucche’. Per loro il mio amore cresce oltre confine: le trovo esteticamente incantevoli e in cucina irresistibili! Come per un bel dipinto, anche per un campo di zucche contano toni, ritmo e la nostra capacità di osservare: il loro arancione è nello spettro dei toni dell’autunno, un colore affascinante, accogliente e rilassante; il loro ritmo è quello della maturazione che allena all’attesa; l’osservazione ci permette di capire quando è matura. Osserva il picciolo, è secco? Prova a scalfire la scorza: non ci riesci? Se in entrambi i casi la risposta è SI, la tua zucca è matura.

Vado molto fiera delle zucche che ho raccolto al parco, sono buonissime! L’anno prossimo ne coltiveremo molte di più; il terreno è ottimo e le varietà da sperimentare molteplici.

Per definire l’emozione che provo quando vedo una zucca di Parco delle Stagioni, Pablo Neruda mi suggerisce le parole con la sua ‘Ode al giorno felice’:
“Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte,
succede solo che sono felice
fino all’ultimo profondo angolino del cuore.

Camminando, dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.”
(Fonte: qui)


E io proseguo aggiungendo…
“Succede solo che sono felice!
Sono felice in un campo di zucche,
vedo forme naturali perfette, nella loro imperfezione.
Immagino il colore caldo della zucca, il sapore rotondo,
e la sensazione inebriante del risotto preparato dalla nonna Maria,
che nutre l’anima con il suo smisurato amore,
l’unico ingrediente che ha il sapore dell’eternità.” (Ally)

Passando ad argomenti più goderecci, sappiate che la zucca si presta a tantissime ricette per tutto l’autunno. La vellutata, ad esempio, è considerata un comfort food che fa bene al cuore e alla mente perché contiene molto magnesio, un miorilassante naturale che facilita la distensione dei muscoli. Inoltre la zucca si conserva a lungo, quindi se decidete di comprarla in questo periodo potrete mangiarla fra almeno due mesi. Se volete invece conservarla in freezer tagliatela a pezzi e fatela bollire. Potrete cucinarla in molti modi: al vapore, bollita, in padella o al forno, l’importante è che si ammorbidisca. I semi non si buttano, lavateli molto bene e asciugateli. Metteteli poi in un’essiccatrice o lasciateli seccare al sole.

Ecco un link con approfondimenti interessanti e tante ricette. E se non foste ancora sazi, qui altre 10 ricette per i vostri dolci a base di zucca.

Buon appetito!

Ally

“In caduta libera” – La rubrica di Ally, 3° episodio

Oggi, mercoledì 2 settembre, giorno di luna piena, piove. Sono al parco, la pioggia regala diverse sfumature di colori e profumi. Il ticchettio sulle foglie batte ritmico, le foglie cadranno spinte dalle gocce di pioggia per unirsi in compagnia alle altre già al suolo. Che faranno tutte insieme? Semplice, si reinventano una nuova vita: si prenderanno cura della terra del parco, si trasformeranno piano piano in humus, nutriranno l’albero e rinasceranno fiore o foglia? Chi lo sa, di certo vivranno un lungo viaggio e si risveglieranno più forti, nuove e sagge. Amo il Parco delle Stagioni, è generoso di idee e immagini oniriche. A presto.

‘La foglia di un albero è lo sforzo senza fine della terra di comunicare con il cielo.’ (Rabindranath Tagore)

Colorate e bellissime sugli alberi, le foglie quando cadono sono utili per ottenere un terriccio di qualità: l’humus! La decomposizione dei resti organici attraverso cui si forma l’humus è uno dei più importanti processi che si compiono nella biosfera. Se vuoi conoscere qualcosa in più sulla formazione dell’humus e la vita nel suolo, ti propongo questo link

Ally

“Dal cuore della Terra” – La rubrica di Ally, 2° episodio

Si dissoda la terra come si faceva una volta con la forza, il sudore e… qualche battuta per alleviare la fatica. Fatica che viene ricompensata con un grande cuore che sbuca quasi per magia… e per la forza delle braccia di Nicola!

Con un po’ di sorpresa abbiamo accolto il regalo come un messaggio dal parco: ‘vi dono il mio cuore perché mi state curando con amore e simpatia, siete sulla buona strada, continuate così! Fra qualche settimana indosserò il vestito dell’autunno, avrò colori intensi per un po’,  le foglie cadranno e un altro lavoro di braccia vi attenderà, per la vostra salute e forma fisica! …altro che palestra! Munitevi di rastrelli e carriole.’

Ally


Nicola, parte della squadra. Neolaureato, apprezza la gavetta del “rimettere in sesto” lavorando alla sistemazione del luogo dentro e fuori; nel frattempo studia il piano d’azione, con l’obiettivo di partecipare allo sviluppo dell’impresa come referente dell’area agricola.

Parco delle Stagioni SRL Impresa Sociale: stradella Nh Donà snc, 36030 Motta di Costabissara (VI) – Unità Locale: Via Kennedy, 19, 36030 Motta di Costabissara (VI) – P IVA e CF: 04370200240 – Cap. Soc 10.000 € i.v.

In collaborazione con Al Brolo APS.

I lavori di rivalorizzazione della sede sono un progetto di Officina27 S.r.l.