Tag: sartoria

“The Ruling RE-“: quando un prefisso racconta il mondo che cambia.

La notizia è che insieme al Design Studio Wrad saremo partner dell’istituto professionale G.B Garbin di Thiene per un meraviglioso ciclo di incontri! Sono appuntamenti rivolti agli studenti della scuola, dedicati alla consapevolezza dell’impatto ambientale e sociale dei processi produttivi nel mercato del FASHION, offrendo prospettive alternative concretamente responsabili.

Re- è il prefisso universalmente riconosciuto per parlare di recycle, reuse, reduce, ma in italiano è anche parola di senso compiuto con un significato molto chiaro… chi detta legge!

“The Ruling Re-“ ci proietta in un tempo auspicabilmente vicino in cui le parole che iniziano con RE- non sono sconosciute ai più ma sono una pratica dominante, consolidata! Un approccio globale che ci fa vedere la terra che ci ospita e le persone che abbiamo accanto non come elementi funzionali al nostro arricchimento individuale ma come parte dello stesso organismo che vuole vivere e non sopravvivere. Sotto questo nome e con questi pensieri da condividere, I.T.S. Garbin organizza un ciclo di incontri dedicati alla consapevolezza di quanto i “RE-“ siano fondamentali anche e soprattutto nel mondo del Fashion.

Ci vedremo coinvolti l’1 dicembre per il primo evento in programma: racconteremo l’esperienza del nostro laboratorio di sartoria alternativa, IDA TESS LAB: cosa significa lavorare con tessuti di recupero e come cambiano i processi produttivi? Cosa vuol dire avere come primo obiettivo la valorizzazione di ciascun collaboratore della squadra?

A seguire il workshop di DESIGN STUDIO WRAD, il 20 di dicembre, darà a tutti i partecipanti l’opportunità di acquisire la consapevolezza e gli strumenti necessari per comprendere lo status quo non sostenibile dell’industria della moda e come metterlo in discussione.

Questo percorso si rivolge agli studenti dell’I.P.S. Garbin e agli studenti del terzo anno delle scuole secondarie di 1° grado impegnati ora a scegliere il loro successivo percorso di studi; il tema si svilupperà ulteriormente nella seconda parte dell’anno grazie a una serie di lezioni entro il percorso di educazione civica, finalizzate al restyling di capi di abbigliamento in chiave sostenibile e creativa, con concorso finale.

Entrambi gli appuntamenti verranno registrati e saranno disponibili sul canale YouTube della scuola.

Ida Tess… è ora di far festa!

A un anno dall’apertura del nostro laboratorio di sartoria, finalmente festeggiamo con un pomeriggio pre-natalizio tutti insieme! Come in tutte le feste degne di questo nome, più saremo e più ci divertiremo! Ti va di partecipare? Confermaci la tua partecipazione indicandocelo in questo breve form.

Alcune informazioni:

Ci troviamo in sartoria, Via J.F. Kennedy 19, sabato 3 dicembre a partire dalle 15.30 fino alle 19. L’evento è in collaborazione con la Scuola Materna San Gaetano di Motta di Costabissara, che con un piccolo contributo alla consumazione delle sue cioccolate e vin brulé sosterrà le iniziative per i bimbi della scuola. E dalle 17.30 alle 18.30 musica live con la partecipazione straordinaria di contrabbasso, chitarra e clarinetto degli Anita Swing Band!

Per qualsiasi info contattaci su whatsapp al numero 353 3844770 o all’indirizzo email info@parcodellestagioni.it.

Non vediamo l’ora di festeggiare insieme.

Le Sorelle di Via dei Ciliegi, la nuova linea Metamorfosi e i prossimi appuntamenti!

“Siamo la somma delle persone che incontriamo”. L’hanno detto in tanti e lo confermiamo anche noi, che in questo percorso abbiamo la fortuna di incontrarne di straordinarie. E siamo pure chi non abbiamo incontrato ma che ha vissuto in questo luogo e ha scritto la sua storia… storia che grazie a un puzzle di ricordi stiamo ricostruendo pian piano.

Di storie che intersecano la nostra ce ne sono tante e oggi ce n’è una in particolare: quella delle 3 sorelle di Via dei Ciliegi. Le abbiamo conosciute per il tramite della nipote Lucia e con loro imbastiamo lunghi dialoghi immaginari ogni volta che siamo in contemplazione dei capi bellissimi da loro stesse realizzati a mano, e che abbiamo recuperato dai loro armadi.

Da questo piccolo tesoro che Lucia ci ha affidato è nata l’opportunità di aggiungere uno spazio nel nostro negozietto di Via Kennedy a Costabissara, dedicato ai capi trasformati! Per ora sono giacche, di ottima fattura, a cui un cambio creativo di maniche, collo e bottoni ha dato nuova vita e uno sprint contemporaneo.

Ma chi erano le 3 sorelle di Via dei Ciliegi?

Maria, Lelia e Margherita! Unite da sempre e coinquiline per la vita. Indipendenti e ben organizzate: Maria, “the boss!”: sarta-capo produzione in Belfe. Lelia, economa del trio, dedita alle faccende domestiche. E infine Margherita che lavorava per Viaro, storica azienda di cappelli di Marostica; la più sognatrice e un pò sfaccendata 🙂 Gli uomini?! “Eh valà… che senza si sta bene lo stesso!”. Le tre sorelle nel giro di una decade hanno lasciato questa terra e dal 2020 i loro abiti sono stati in attesa di una degna destinazione. Grazie a Lucia, eccoli da noi!

Qui sotto una prima piccola selezione di “Giacche Metamorfosi”, prodotte per una strana magia del tempo da Maria, Lelia e Margherita con il tocco di stile di Ida Tess!

Queste giacche e molto altro saranno in Piazza dei Signori a Vicenza il prossimo sabato per Unico il Mercatino del Fatto a Mano! E con loro ci saremo anche noi… passi a trovarci? 

Fidati che  quel giorno in giro non ci sarà niente di meglio da fare, ci siamo informati. Ma metti che sei partito per un meraviglioso weekend o peggio se quel giorno ti vai a sposare e non riesci proprio a passare, ci possiamo vedere anche:

  • Sabato 29 ottobre in piazza Castello (VI) (Festa di Halloween)
  • Sabato 19 novembre in piazza S.Lorenzo / corso Fogazzaro (VI) (Festa degli Alberi)

…oppure dal lunedì al venerdì nel nostro angolo di mondo in Via Kennedy 19 a Costabissara, giusto davanti alla sartoria di Parco delle Stagioni, con questi orari: 9-13 e 14-18.

Divise stellate! Ida Tess per Garibaldi Vicenza

Se a maggio di quest’anno ci eravamo dedicati a barman e camerieri del bistrot al piano terra dell’illustre “Garibaldi”, ristorante in Piazza dei Signori a Vicenza, i mesi di agosto e settembre ci hanno visti impegnati in un progetto meraviglioso e complesso: vestire i camerieri al piano superiore. Lassù regna incommensurabile “Matteo Grandi in Basilica”, il ristorante gestito da Matteo Grandi, stella Michelin, ed Elena Lanza.

Su spunto di Matteo ed Elena abbiamo sviluppato una proposta che suona al contempo locale ed esotica, tradizionale e contemporanea. E certamente preziosa: abiti in raso, di taglio indiano, fatti su misura da Rabee, finemente decorati con tratti in oro.

La nostra grande squadra si è dedicata a reperire il materiale, studiare il modello, realizzarlo con cura e poi renderlo unico e irripetibile anche grazie all’aggiunta dei disegni su stoffa di Clara Sartori, giovane artista vicentina.

“Questi abiti…

Volano lontano, verso l’oriente. L’India, la sua cultura, le spezie. Di ritorno da quel suo viaggio Matteo incontra Elena. L’inizio.

Si radicano con forza nella cultura del luogo, di cui celebrano Palladio e la vicentinità. La Basilica in sezione, le statue sulla terrazza tratteggiate come se uscissero da un sogno, i pensieri rivolti a Palladio da letterati e architetti.

Esprimono il talento di una giovane artista. Clara Sartori, vicentina di 19 anni. Di poche parole, con un mondo interiore tanto etereo ed elegante come quando danza sulle punte, quanto viscerale e in rivoluzione.

Parlano la lingua universale della gentilezza, verso le persone e il pianeta.Sono stati creati da Rabee e Liliana, i sarti di Parco delle Stagioni Impresa Sociale, assieme a un gruppo entusiasta di volontari e professionisti. Con la loro attività hanno scelto di aprire una nuova via nel mondo del “tessile sartoriale”, mettendo al centro la sostenibilità e la responsabilità sociale. Una filosofia che si esprime attraverso i manufatti in tessuto e nella cura delle relazioni.”

Una sartoria per il “su misura” a Costabissara

Che ci sia un posticino speciale in Via Kennedy 19 dove da stoffe bellissime messe da parte nascono capi e accessori unici…. ormai questo i bissaresi lo sanno! Che qui si realizzino anche capi su misura, a partire dall’idea del cliente, questo forse lo sanno ancora in pochi. Ma lo sa bene chi ci ha già testati e che questi abiti li ha sfoggiati con soddisfazione.

Ecco Barbara ad esempio, pronta con il suo nuovo vestito per un aperitivo in festa!

I nostri sarti, Rabee e Liliana, non vedono l’ora di mettere in moto le loro magiche macchine per cucire e realizzare giusto giusto quello che fa al caso delle nostre clienti e dei nostri clienti. E assieme ai sarti c’è chi può consigliarti il tessuto migliore, il modello più adatto per valorizzarti, quali speciali dettagli aggiungere per rendere unico e irripetibile quello che già unico nasce, perché è “su misura”, e si sa… “come te non c’è nessuno, tu sei l’unico al mondo!“; perché salta fuori da un posticino dove si lavora bene e si cerca sempre di dare il giusto peso alle cose e il maggior valore a quelle giuste, dove si sorride e si ha voglia di crescere insieme.

Quando passare e come contattarci? Dal lunedì al venerdì, 9-13 e 14-18, in via Kennedy 19, Motta di Costabissara. Prendiamo appuntamento così siamo sicuri di essere a tua completa disposizione! +39 353 3844770. Chiamaci o scrivici a questo numero anche se vuoi solo saperne di più.

Shooting per Ida Tess a Parco delle Stagioni

Il cantiere si trasforma in un set fotografico!

È tempo di aggiornarti sugli sviluppi del cantiere e sulle attività della nuova Impresa Sociale.

Qui il bello che ci avvolge continua a sorprenderci: la sede ritrova forma e si rinforza (presto anche la barchessa avrà un tetto!), la squadra al lavoro cresce e si compatta; anche il nostro laboratorio tessile ha fondamenta sempre più solide e cresce la collaborazione con la scuola materna per il progetto dell’orto didattico. È un percorso complesso e serve tenere sempre accesa la luce all’orizzonte, quella del completamento dei lavori e dell’avviamento generale delle attività. Ci stiamo dando tanto da fare perché sentiamo che quello a cui arriveremo, prima o poi, sarà meraviglioso.

Eppure trovare parole felici è davvero difficile, se per altri in questo mondo la prospettiva del domani ora è così fragile, per chi oggi deve scappare, se ce la fa, salutando senza speranza chi resta per resistere… mentre noi manteniamo uno sguardo lungo e l’orientamento, ponderando ogni passo per rendere il percorso sensato e sostenibile, immaginiamo il prossimo futuro e il bello che accadrà. Cosa ne sarebbe se anche noi all’improvviso non ci potessimo più permettere di immaginare il domani?

Ci manca la spensieratezza ma siamo immensamente fortunati perché a noi restano la squadra, la speranza del domani, il progetto. E prima di quel 24 febbraio, l’inizio del conflitto in Ucraina, la nostra squadra era riuscita ancora una volta a dare il meglio di sé: una mattinata di scatti fotografici per promuovere il laboratorio di sartoria! E questa storia ve la voglio proprio raccontare.

Eravamo tantissimi, dai 2 ai 92 anni! Indossavamo una delle creazioni del nostro laboratorio (se non conosci IDA TESS, QUI maggiori info). Quel giorno volevamo raccontare il bello di stare insieme perché alla fine, di tante parole, ne resta sempre una ed è IN-TESSERE: fili, certo, ma soprattutto vite, relazioni favorevoli, dialoghi. 

La sede degli scatti? Il cantiere, naturalmente! E più precisamente il portico della barchessa e alcune stanze della villa con il loro fascino senza tempo.

Ci è venuto in aiuto un amico, Andrea Friso: ha messo a servizio la sua arte fotografica per catturare sguardi d’intesa, i nostri sorrisi, l’incertezza che è di chi si improvvisa modello per un giorno (ognuno di noi, quel giorno!), l’orgoglio di indossare un prodotto che è nato sotto i nostri occhi, dall’amore di chi se l’è inventato e di chi poi l’ha realizzato, il desiderio di farlo conoscere per dare respiro all’iniziativa.

Ecco una selezione di foto, ma un pò per volta le pubblicheremo tutte, sui social e nel sito dedicato a Ida Tess (ancora in elaborazione ma presto su questi schermi!)

Il negozio adiacente al laboratorio (via Kennedy 19, Costabissara) è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18. Stiamo producendo soprattutto abbigliamento e accessori al femminile, ma siamo bravi anche nel “su misura” per uomo, donna e bambino. Ogni capo è unico e irripetibile, data la scarsità di tessuti uguali che è tipica di progetti come il nostro che utilizzano solo materiali di riciclo da fondi di magazzino e scarti di produzione. Questo è il numero per ricevere maggiori informazioni o riservarsi un appuntamento: 353 3844770. Passate a trovarci!

Nasce “Parco delle Stagioni SRL Impresa Sociale”!

Mercoledì 20 ottobre, 9 rintocchi di campana, nebbiolina autunnale sospesa nell’aria. Siamo in 4: Daniela, Alessandro, Nicola ed io, Sara. Ci diamo appuntamento in cantiere, dove dal martedì si preannuncia l’arrivo dell’auto spurghi… rottura di una tubatura delle fognature. Ma si sa che quell’odorino è sempre foriero di tanta, tantissima fortuna! Lo prendiamo come un segno della provvidenza e partiamo alla volta di Thiene, dove il notaio ci aspetta.

Quel che poi è accaduto facciamo ancora fatica a realizzarlo: abbiamo firmato per la costituzione di Parco delle Stagioni SRL, Impresa Sociale! Un traguardo per Daniela, che nel sociale ha lavorato per tanti anni e sognava da tempo questo momento; un indiscutibile punto di partenza per gli altri 3 soci, che dopo esperienze di studio e di lavoro nel profit, insieme prendono forza per dare concretezza a un’idea imprenditoriale di interesse generale, senza scopo di lucro e per finalità culturali e di utilità sociale.

Parco delle Stagioni SRL Impresa Sociale è un progetto per la bellezza delle relazioni umane, sostenuto nelle sue finalità dalla sede che presto la ospiterà: la splendida “Signora di Motta”, un tempo “Villa Donà”, e il suo parco. Un luogo storico del nostro territorio che dopo anni di abbandono viene riqualificato e riconsegnato alla sua vita. 

Qui le persone potranno dedicarsi a iniziative che le arricchiscano: opportunità di lavoro e attività per il loro tempo libero. Saremo favoriti dall’armonia con la natura, dal fascino di una sede con una lunga storia, con i suoi spazi accoglienti. Ci impegneremo a favore della bellezza che si esprime nella qualità di vita delle persone, nell’incontro e nell’aiuto reciproco, nel valore dell’essere umano con le sue diversità che arricchiscono. Formeremo un gruppo di persone prive di etichettature, unite nel desiderio di fare e imparare e che si sentono orgogliose e motivate di partecipare attivamente a un bel progetto di gruppo che cresce. 


Questo è il modo che abbiamo trovato per condividere questo luogo incredibile con la cittadinanza, perché esso ritorni a vivere e le persone di Costabissara e dintorni ne possano tornare a godere.


Come impresa sociale, concretamente, di cosa ci occuperemo? 

  • di agricoltura sociale, della trasformazione e vendita dei prodotti biologici che saremo in grado di far crescere
  • di organizzazione eventi, culturali e ludici, e di occasioni formative
  • …e poi di sartoria! Partiamo dal recupero di tessuti, a cui daremo una seconda vita.

Su questo terzo capitolo… presto presto in arrivo maggiori informazioni! Infatti non siamo riusciti ad aspettare il completamento del restauro per poter partire, e abbiamo trovato un posticino in affitto poco distante.


Oltre a noi 4 soci, una squadra intera! Flavio, instancabile al lavoro per seguire il cantiere e prendersi cura di parco e noccioleto; i nostri bravi architetti Margherita e Francesco! Roberta, senza la quale saremmo persi tra carte e burocrazia, Alessandra e Luisa, gli angeli dell’orto, assieme a Francesca che oltre  a sperimentarsi ortolana è anche una super baby sitter; la meravigliosa nonna Maria che a casa cucina quello che raccogliamo, per dirci se è buono o va migliorato; Aurora, garanzia di pranzi nutrienti tra un impegno e l’altro, zia e prozia che tutti ci invidiano; Daniela G., un vero braccio destro su ogni fronte! Tra di loro, tanti sono finanziatori del restauro ed ideatori di questo progetto… senza di loro nulla avremmo saputo e potuto fare. Poi ci sono gli amici che ci sostengono ogni giorno e i collaboratori di valore che stiamo conoscendo lungo il cammino. E c’è anche chi non è più qui e ci assiste dal cielo.

“Bisogna creare luoghi per fermare la nostra fretta e aspettare l’anima” (omaggio a Tonino Guerra)

“Restauro e Sartoria” – La Rubrica di Ally, 12° episodio

Buon venerdì cari lettori! Oggi vi parlo di un argomento suggeritomi da Rita Refosco, fan nr 1 di Parco delle Stagioni, che con un suo commento a una foto della nostra pagina Facebook sembra aver letto nella mia mente!

In questo periodo in orto non c’è molto da fare se non raccogliere gli ultimi cavolfiori, quindi mi sono lanciata in un lavoro molto nobile: collaboro in minima parte al restauro della “Vecchia Signora”. L’attività in sé sembra noiosa e un po’ pesante (per me che di carriole non ne ho spinte tante nella vita), ma vista con gli occhi di chi sa sognare e immaginare, si riesce a fare con passione e poca fatica.

Nel raccogliere i coppi per selezionarli e ripulirli immagino allora di essere una sarta, e il tetto si trasforma in un cappello! Passo i coppi uno ad uno e con questo gesto diventano piume, perle, pezzetti di velo; immagino la testa alta e fiera della signora, e del suo cappello cerco di indovinare colore, forma e tipo di stoffa. Dovrà proteggerla dal caldo, dalla pioggia, dalla neve e dal vento, e con i fulmini e le saette sarà ancora più luccicante! Ma non perderà mai la sua funzione: proteggerla e non farle mai reclinare il capo! Così non sono più una manovale. Ora sono un’artista che produce i pezzetti che comporranno le vesti di un capolavoro! La fatica se ne va e sono orgogliosa del risultato che si vede crescere di minuto in minuto: montagne di coppi che piano piano diventano file ordinate pronte a iniziare una nuova avventura sul tetto della villa.

Ma non è finita qui, non ci sono solo i coppi! Appaiono all’orizzonte cataste di mattoni e tavelle. La mia immaginazione torna in aiuto e le trasforma in metri di stoffa voluminosa e cangiante. Con il sole la stoffa si tinge di rosso e con le nuvole diventa di un caldo color mattone, perfetto per un vestito da indossare in ogni occasione! Bene, allora si riparte con la stessa tenacia e determinazione! Ogni mattone trova il suo posto e alcuni di loro prendono la via della rigenerazione sotto nuove spoglie: saranno frantumati e collaboreranno a realizzare un altro progetto. Buona fortuna anche a loro.

Questi elementi costruttivi portano i segni di consuetudini del passato! È stato interessante scoprire che sulle tavelle ci sono i segni di un lavoro antico affidato alle donne; l’ultima fase della lavorazione, infatti, prevedeva che una mano gentile e femminile accarezzasse un lato della superficie del mattone per levigarlo. Dalla foto si vede come resta bene impressa quest’operazione! È stato Ruggero, il capo mastro, a passarmi l’informazione, e da quel momento in poi per me è stato inevitabile ripercorre la superficie di ogni tavella con le mie stesse dita. Mi sembrava di entrare in contatto con l’energia della donna che con la sua mano è come se avesse voluto lasciare un messaggio ai posteri: “Prendetevi cura di questa tavella fino alla fine perché su di essa c’è il sudore di antiche speranze di una vita migliore!”

Ed infine realizzo che ho toccato centinaia di coppi e mattoni, tutti diversi, con impronte diverse… ed ho incontrato una grande umanità svolgendo questo lavoro; ogni pezzo ha la sua identità, la sua unicità, la sua storia. Quanti racconti, lacrime e sorrisi avranno vissuto? Una vera emozione che conserverò nel mio cuore.

Quindi, cara Rita Refosco, ti confermo che in questo ultimo mese ho aiutato a realizzare il nuovo look della “Nobile Signora di Motta”. Che “la Signora” abbia una certa età, a questo punto, è solo un dettaglio!

Ally

Parco delle Stagioni SRL Impresa Sociale: stradella Nh Donà snc, 36030 Motta di Costabissara (VI) – Unità Locale: Via Kennedy, 19, 36030 Motta di Costabissara (VI) – P IVA e CF: 04370200240 – Cap. Soc 10.000 € i.v.

In collaborazione con Al Brolo APS.

I lavori di rivalorizzazione della sede sono un progetto di Officina27 S.r.l.